La spigola – Gennaio.

La spigola, conosciuta soprattutto con il nome di branzino, è un pesce tondo di mare appartenente alla famiglia dei Serranidi.

Pur essendo due pesci leggermente diversi (la spigola ha colori più accesi, livrea maculata di giallo e muso più tozzo rispetto al branzino) vengono commercializzati indifferentemente sotto uno dei due nomi.

La spigola si trova in abbondanza nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico Settentrionale ma può vivere anche nelle acque salmastre delle baie vicino ai fiumi. Si tratta di un pesce molto feroce e vorace, esso infatti viene chiamato anche pesce spazzino perché divora tutto quello che incontra, persino le reti dei pescatori sulle quali si arrampica con i denti!

Può raggiungere il metro di lunghezza e 10 Kg di peso, presenta il dorso di un color grigio plumbeo con riflessi bluastri o verdastri mentre i fianchi e il ventre sono argentati.

Spigola alla grigliaIn foto: spigola alla griglia.

La spigola ha carni sode, bianche e molto pregiate che ben si adattano a qualsiasi tipo di cottura, anche le più violente come quelle alla griglia, in padella o al forno. L’importante è cucinarla in modo semplice per non sovrastare la delicatezza delle sua polpa.

Essa inoltre è ricca di proteine ad alto valore biologico, ovvero in grado di soddisfare pienamente le esigenze fisiologiche del nostro organismo, oltre a possedere acidi grassi polinsaturi (PUFA) omega 3 che hanno una funzione protettiva del sistema cardiocircolatorio in quanto riducono il colesterolo cattivo.

Composta per il 79% da acqua, la spigola apporta 82 Kcal per ogni 100 g di prodotto così ripartite: 66 Kcal da Proteine, 14 Kcal da Lipidi (grassi), 2 Kcal da Carboidrati (zuccheri).

Il consiglio è quello di prediligere sempre le spigole selvagge che vengono pescate d’inverno in mare aperto e che solitamente si trovano con pezzature superiori ai 500 grammi. Quelle di allevamento invece si possono trovare tutto l’anno e si aggirano intorno ai 250-300 grammi. Se proprio non riuscite a reperire una spigola selvaggia allora orientatevi su quelle allevate in mare anziché in vasca.


RELATED POST

INSTAGRAM
@ilcuocoincamicia