READING

Geoduck: una vongola con la proboscide.

Geoduck: una vongola con la proboscide.

Il geoduck o vongola dalla proboscide è il mollusco bivalve più grande al mondo. Ha origini nel Nord America e appartiene alla famiglia delle Hiatellidae.

Lo si può trovare soprattutto nelle basse acque delle coste di Washington, dell’Alaska e della Columbia Britannica. Esso vive immobile sotto la sabbia lasciando in superficie solo l’estremità della lunga proboscide che può superare anche il metro di lunghezza. Da qui il termine “geoduck” (si pronuncia guuidak) che significa “scava a fondo” nella lingua di alcune tribù di nativi.

Si nutre principalmente di plancton utilizzando solo uno dei due canali della proboscide con il quale aspira anche acqua e ossigeno, l’altro invece serve a espellere i rifiuti. Ha pochissimi predatori e anche per questo si tratta di uno degli animali più longevi al mondo, raggiungendo i 160 anni di età.

Viene particolarmente apprezzato e utilizzato nella cucina orientale dove viene servito crudo in sashimi e accompagnato con wasabi e salsa di soia. La sua carne ha una consistenza leggermente fibrosa ed è molto saporita, con una nota tendente al dolce. Si può consumare anche cotto, velocemente saltato o fritto, dopo essere stato precedentemente battuto per intenerirne le carni.

Geoduck Sashimi

Il prezzo è abbastanza elevato (circa 60€/kg) perché la sua pesca è difficoltosa e limitata sia per quantità pescabili che per periodi dell’anno. Gli esemplari pescati devono inoltre rispettare dei parametri molto precisi definiti dal disciplinare e superare alcuni esami per determinare l’assenza di sostanze inquinanti. Trattandosi di animali che filtrano le acque marine necessitano dunque di un processo di stabulazione come avviene anche per le cozze.

Geoduck neonato

Gli asiatici considerano il geoduck un potente afrodisiaco con effetti medicinali paragonabili alla cistifellea degli orsi o alle pinne degli squali.

 

 


RELATED POST

INSTAGRAM
@ilcuocoincamicia